Ginestra-Salernitana: si tratta sull’ingaggio

Il bomber del Sorrento Ciro Ginestra

 

di Delfina Maria D’Ambrosio

 

Il bomber Ciro Ginestra è nel mirino della Salernitana. Da giorni il suo arrivo a Salerno viene dato praticamente per certo, anche grazie alle dichiarazioni dell’attaccante che ha più volte ribadito di preferire la maglia granata, al di là della categoria, alle altre proposte. Eppure, l’ufficialità tarda ad arrivare, dalle parole di Ginestra pare sia dovuto alle condizioni contrattuali: “Il mio passaggio alla Salernitana non è ancora ufficiale – spiega il calciatore – c’è ancora qualcosa che dobbiamo definire per quanto riguarda il rapporto tra la domanda e l’offerta, noi abbiamo detto le nostre cose a Lotito, ora lui dovrà fare le sue considerazioni. Un’altra alternativa potrebbe essere il Benevento che ha mostrato forte interesse nei miei confronti, ma comunque ho ancora un altro anno di contratto a Sorrento, se la situazione non si sblocca andrò in ritiro con loro”. I vari rinvii di Lotito potrebbero spiegarsi con la necessità di capire prima come sarà strutturata la Lega Pro, per poi poter prendere decisioni più oculate: “Non so da cosa dipenda – dichiara Ginestra – certamente se ci sarà la modifica dei gironi cambieranno gli scenari, la Salernitana starà facendo le sue considerazioni in merito. Da parte mia, come ho più volte dichiarato, c’è tutta la volontà di andare a Salerno, anche scendendo di categoria. Chiaramente, però, le condizioni contrattuali devono almeno essere uguali a quelle di Sorrento”. Con la squadra rossonera Ginestra ha vissuto davvero una bella avventura, 21 gol in 33 presenze, numeri importanti che l’hanno portato sotto le luci dei riflettori: “A Sorrento ho vissuto un periodo magnifico, ma mi è stato già detto che devo lasciare, non sono infatti più intenzionati a mantenere il mio ingaggio, per loro troppo alto, e preferiscono puntare sui giovani. Devo ringraziare tutti: la società, la piazza che mi ha riempito d’affetto, gli allenatori che ho avuto e i miei compagni che mi hanno permesso di fare il mio gioco e mi hanno messo in condizioni di segnare 21 gol anche se, purtroppo, non sono bastati a regalare al Sorrento la promozione”.

 

® Riproduzione Riservata

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Lascia un Commento