Processo Calcioscommesse: Palazzi chiede la Lega Pro per il Grosseto

Lo striscione esposto dai tifosi juventini all'ingresso del Procuratore federale Stefano Palazzi

 

di Flavio Grisoli

 

Ore 19.25 - La riunione viene chiusa e rinviata a domattina alle 9.30. Rimangono quindi in sospeso le posizioni di Antonio Conte, Angelo Alessio e Ruben Garlini, per i quali sussiste ancora l’ipotesi di un raggiungimento del patteggiamento con la Procura federale

 

Ore 19.15 - E’ la volta dell’avvocato Giuseppe Fusco, legale dell’ex portiere del Siena Ferdinando Coppola

 

Ore 19.08 - L’avvocato Paolo Rodella, difensore tra gli altri di Alessandro Pellicori, cerca di smontare l’ipotesi accusatoria del suo assistito, per il quale è stato chiesta dalla Procura una condanna a 3 anni e 6 mesi di squalifica

 

Ore 18.57 - Ecco le richieste conclusive di Palazzi

 

Bertani Cristian: 3 anni e 6 mesi

Bombardini Davide: 3 anni e 6 mesi

Camilli Piero: 5 anni più preclusione

Cassano Mario: 9 mesi in continuazione con il precedente processo

Catinali Edoardo: 3 anni e 6 mesi

Coppola Ferdinando: 3 anni e 6 mesi

Drascek Davide: 3 anni e 6 mesi

Gheller Mavillo: 3 anni e 6 mesi

Pellicori Alessandro: 3 anni e 6 mesi

Pesoli Emanuele: 3 anni

Terzi Claudio: 3 anni e 6 mesi

Vitiello Roberto: 4 anni

Ancona: Euro 10mila di ammenda

Grosseto: retrocessione in Prima Divisione di Lega Pro e 3 punti di penalizzazione da scontarsi nella stagione 2012/2013. In subordine, la Procura chiede l’esclusione dal campionato di competenza e l’assegnazione da parte del Consiglio federale ad un campionato di categoria inferiore

Novara: -4 punti da scontarsi nel prossimo campionato 2012/2013

 

Per quanto riguarda le posizioni di Conte, Alessio e Garlini, la Procura si è riservata di attendere eventuali sviluppi in sede di possibili ulteriori patteggiamenti

 

Ore 18.10 - E’ il turno del procuratore federale Stefano Palazzi, con le sue deduzioni. “Voglio ringraziare preliminarmente la Procura di Cremona e di Bari e gli uomini delle forze dell’Ordine che hanno fatto sì che si potesse ordinare questo procedimento. Ringrazio anche i componenti della Procura federale che hanno portato avanti un grandissimo lavoro”.

Ci sono tantissimi riscontri alle dichiarazioni accusatorie: telefonici, incontri tra sodali dediti alle scommesse attingendo ad informazioni privilegiate“.

A questo punto Palazzi passa all’analisi delle singole gare oggetto del dispositivo di deferimento

 

 

Ore 18.08 - Ecco tornata la Disciplinare con le decisioni sui patteggiamenti: accolte Poloni, Savorani, D’Urbano, Passoni Siena, Albinoleffe.

 

Ore 17.27 - La Commissione si è ritirata nuovamente per deliberare sulle nuove richieste di patteggiamento

 

Ore 17.18 - Palazzi presenta altre richieste di patteggiamento:

 

Siena: -6 punti e 20mila Euro più altri 80mila Euro per l’altro procedimento. Per complessivi -6 punti e 100mila Euro

 

Albinoleffe: -1 punto e 30mila Euro di ammenda

 

Passoni Dario: 6 mesi e 15 giorni di squalifica

 

Poloni Mirco: 6 mesi di squalifica

 

Savorani Marco: 5 mesi e 10 giorni

 

D’Urbano Giorgio: 5 mesi e 10 giorni

 

 

Ore 17.11 - Sulle richieste di stralcio di Conte e Savorani, la Commissione ribadisce la tesi del procuratore Palazzi, cioè che la richiesta di patteggiamento non entra nel merito della posizione dei deferiti, e quindi respinge la richiesta. Per quanto riguarda l’istanza di ricusazione da parte dei legali di Conte, Alessio e D’Urbano, la Commissione rigetta anche questa, con il presidente Artico che ha presentato a suffragio della propria decisione numerosa giurisprudenza. Sulle richieste istruttorie, la Commissione non ritiene necessarie gli interventi di Carobbio e Gervasoni.

 

Ore 17.10 - Rientra in sala dibattimento la Commissione

 

Ore 17.07 - E’ passata oltre un’ora da quando sarebbe dovuta ricominciare l’udienza. La Commissione è ancora in camera di consiglio per valutare la richiesta di stralcio delle posizioni di Conte e Savorani e le istanze istruttorie da parte di praticamente la totalità dei collegi difensivi per poter ascoltare in corso di dibattimento Carobbio e Gervasoni.

 

Ore 14.53 - La Commissione rinvia l’udienza alle ore 16

 

Ore 14.42 - Palazzi prende la parola e ribatte che a suo avviso non sussistono le eccezioni presentate dagli avvocati della Juventus. “Con il rigetto della richiesta di patteggiamento c’è una mera valutazione in astratto e non nel merito, quindi non c’è nessun pregiudizio”. Sulle richieste di istruttoria convocando Carobbio e Gervasoni, Palazzi ritiene che non siano necessarie, né indispensabili e che non c’è nessun motivo fondato che possa indurre la Commissione ad accogliere le istanze istruttorie.

 

Ore 14.25 - La difesa di Conte nelle persone degli avvocati De Rensis e Chiappero, chiede lo stralcio della posizione del tecnico della Juventus. In seconda battuta, la ricusazione della Commissione Disciplinare perché ritiene che la posizione del deferito sia già stata decisa in sede pre dibattimentale, e non può giudicare dopo aver rigettato come non congrua una proposta di patteggiamento. Se non verrà accolta la richiesta di stralcio, la difesa di Conte invierà richiesta di ricusazione alla Commissione di Garanzia. L’intervento dei legali del tecnico della Juventus è stato molto duro nei confronti della Corte, con l’avvocato Chiappero che ha velatamente tacciato Artico di essere “anziano”. Sintomo, questo, di un evidente nervosismo da parte del collegio difensivo di Antonio Conte, che avevano dato praticamente per scontata – stanti anche le numerose indiscrezioni dei giorni scorsi – l’accettazione della proposta di patteggiamento.

 

Ore 14.12 - Gli avvocati delle parti rimaste in causa stanno sfilando chiedendo espressamente alla Commissione di portare in audizione Carobbio e Gervasoni, in considerazione del fatto che il procedimento è basato esclusivamente sulle dichiarazioni dell’ex giocatore del Siena e di Gervasoni. E’ stato fatto notare al presidente Artico, che nel 2007, in occasione del processo che vedeva come deferito Giuseppe Sculli per illecito sportivo, la CAF aveva portato in audizione al dibattimento lo stesso Sculli; in contrapposizione all’orientamento odierno dello stesso Artico che ha dichiarato che non sussiste nessuna norma che prevede la convocazione in audizione di un deferito durante il procedimento. Va ricordato che nel precedente processo sul calcioscommesse, era stato audito il calciatore deferito Sbaffo (Ascoli) e Palazzi aveva anche avuto la possibilità di porgli delle domande.

 

Ore 14.05 – Finalmente torna in sala dibattimento la Commissione Disciplinare. Il presidente Artico legge la deliberazione.

 

Le sanzioni congrue:

 

Filippo Carobbio: 4 mesi

Da Costa Junior: 3 mesi e 30mila Euro

Faggiano Daniele: 4 mesi

Gervasoni Carlo: 3 mesi

Larrondo Marcelo: 2 mesi 20 giorni e 30mila Euro

Sala Luigi: 2 anni

Stellini Cristian: 2 anni e 50mila Euro

Torino: -1 punto nel 2012/2013 e 30mila Euro

Varese: -1 punto nel 2012/2013 e 30mila Euro

 

Sanzioni non ritenute congrue:

Antonio Conte, Angelo Alessio, Mirco Poloni, AC Siena,  Giorgio D’Urbano, Marco Savorani, Dario Passoni

 

Ore 13.30 - Si sta protraendo più dell’ora prevista inizialmente la camera di consiglio della Commissione Disciplinare Nazionale presieduta da Sergio Artico per valutare le richieste di patteggiamento. Evidentemente non c’è accordo in seno al collegio sulle pene da comminare ai richiedenti

 

Ore 12.08 - La Commissione si è ritirata per deliberare sulle richieste di patteggiamento

 

Ore 11.38 - Ecco le richieste di patteggiamento elencate da Palazzi: “La procura ha ritenuto in alcuni casi di riconoscere la collaborazione  - ex art. 24 CGS – e ne ha tenuto conto in sede di irrogazione della sanzione”.

 

D’Urbano Giorgio: 4 mesi

Savorani Marco: 4 mesi

Poloni Mirco: ha già beneficiato dell’art. 24 CGS, anche per questo gli sarà riconosciuto. Richiesta di 4 mesi in continuazione con la precedente condanna

Da Costa Junior: 3 mesi e 30mila Euro

Stellini Cristian: riconosciuto il beneficio di cui all’art.24 CGS; Stellini risponde di altri illeciti relativi al procedimento di Bari. Gli sarà irrogata la sanzione in continuazione con il secondo procedimento che partirà venerdì. Chiede 2 anni e 50mila Euro; per il secondo procedimento hanno concordato ulteriori mesi 6 in continuazione. In questo modo la sua posizione sarebbe stralciata immediatamente anche per quanto riguarda il procedimento sul filone di Bari

Faggiano Daniele: 4 mesi

Varese: -1 punto e 30mila Euro di ammenda

Sala Luigi: beneficiato dell’art.24 CGS, 2 anni di squalifica

Passoni Dario: già ritenuto meritevole dei benefici dell’art.24, 4 mesi in continuazione con la sanzione già irrogata nel precedente procedimento

Siena: stessa situazione di Stellini. Valutazione complessiva dei procedimenti. Pacchetto sanzionatorio concordato, anche in considerazione della collaborazione di Carobbio. -5 e 20mila Euro di ammenda per il presente procedimento e ulteriori 20mila Euro di ammenda in continuazione per il procedimento di Bari. Totale: -5 punti e 40mila Euro di ammenda

Torino: posizione analoga al Varese. -1 punto e 30mila Euro di ammenda

Carobbio Filippo: riconosciuti i benefici dell’art.24 CGS, chiede che gli vengano irrogati ulteriori mesi 4 in continuazione della precedente sanzione, oltre a quelli che subirà dal procedimento di Bari. Palazzi elogia pubblicamente il comportamento di collaborazione di Carobbio nell’aiutare la Procura nello svelare numerosi illeciti

Conte Antonio: 4 mesi e 20 giorni, con la conversione di un mese e 20 giorni in 200mila Euro di ammenda. Sanzione totale: 3 mesi e 200mila Euro di ammenda. Conte chiede che l’ammenda possa essere utilizzata per fini benefici.

Alessio Angelo: 4 mesi, con la richiesta di conversione di 2 mesi con 60mila Euro di ammenda

Gervasoni Carlo: stesso ragionamento per Carobbio. Chiede 3 mesi di squalifica in continuazione alla sanzione precedente. Complessivi 23 mesi.Palazzi ricorda che Gervasoni ha già subito la preclusione.

Larrondo Marcelo: Palazzi chiede che la contestazione nei suoi confronti (illecito) sia derubricata in omessa denuncia. La Procura ritiene che la sanzione di 4 mesi e 20 giorni sia quindi congrua. Larrondo chiede che un mese venga convertito con 30mila Euro di ammenda.

 

 

 

Ore 10.57 – Disposta la sospensione di mezz’ora per finalizzare le richieste di patteggiamento, che saranno portate così in maniera unitaria. Ce n’è una in particolare, non specificata, che potrebbe essere valutata a parte, alla fine del dibattimento.

 

Ore 10.56 - Palazzi sta per elencare le richieste di patteggiamento

 

Ore 10.55 - La Commissione Disciplinare ha rigettato le istanze di stralcio di Bertani, Pellicori e del Torino

 

Ore 10.35 - La Commissione si ritira nuovamente per deliberare sulle richieste di stralcio

 

Ore 10.34 - L’Avvocato Chiappero chiede lo stralcio per il Torino, vista la richiesta di Pellicori

 

Ore 10.32 - Palazzi si oppone alle richieste di stralcio: “Non esiste alcun motivo contingente che può fondare la richiesta di stralcio, perché tutti i deferiti sono stati messi al corrente con evidente anticipo degli addebiti a loro carico”.

 

Ore 10.31 – Anche il legale di Alessandro Pellicori chiede il rinvio

 

Ore 10.28 - Prende la parola l’avv. Mattia Grassani, legale di Cristian Bertani, che ha chiesto il rinvio per permettere di valutare la sua posizione globalmente rispetto agli altri procedimenti in corso

 

Ore 10.25 – Vicenza, Nocerina, Cesena e Gubbio sono state ammesse al dibattimento perché: “Portatrici di potenziali interessi indiretti di classifica”.  Non sono state ammesse Codacons e Federsupporter, perché non facenti parte dell’ordinamento giuridico sportivo

 

Ore 10.05 - La Disciplinare si ritira per deliberare sull’ammissibilità delle richieste delle terze parti di partecipare al dibattimento

 

Ore 10.00 - Presentate le istanze di interessamento delle terze parti da Vicenza, Nocerina, Federsupporter, Codacons, Cesena e Gubbio

 

Ore 9.50 – Comincia il dibattimento. Il presidente Sergio Artico ha espresso la sua solidarietà al Procuratore Federale Palazzi per: “L’aggressione di cui siamo venuti a conoscenza qui fuori”. Il presidente del collegio della Commissione Disciplinare Nazionale sta procedendo all’appello.

 

Ore 9.30 - E’ arrivato anche il Procuratore federale Stefano Palazzi, duramente contestato da una ventina di tifosi della Juventus che hanno esposto anche uno striscione: “Palazzi uomo di m…”. Il dibattimento dovrebbe iniziare tra pochi minuti. Nel frattempo prosegue l’incendio sulla collina di Monte Mario.

 

L'incendio sulla collina di Monte Mario

 

E’ il gran giorno di Antonio Conte, del Grosseto e del Siena nella prima giornata del processo sul calcioscommesse-Cremona bis. Oggi e domani, presso l’ex Ostello della Gioventù al Foro Italico si discuteranno i deferimenti del Procuratore Federale Stefano Palazzi sulle risultanze del secondo filone dell’inchiesta di Cremona. Venerdì e sabato sarà la volta del filone di Bari. Questa giornata sarà probabilmente “cannibalizzata” dal possibile patteggiamento del tecnico della Juventus Antonio Conte che, stanti le ultime indiscrezioni, dovrebbe accordarsi con la Procura per una squalifica di 3 mesi e un’ammenda sui 200mila Euro. Starà poi al collegio giudicante della Disciplinare presieduto da Sergio Artico, decretare la congruità o meno della proposta.

 

 

Un pensiero su “Processo Calcioscommesse: Palazzi chiede la Lega Pro per il Grosseto

Lascia un Commento