Il Cr Campania è stato commissariato

 

di Flavio Grisoli

 

Alla fine ha prevalso la linea dura, quella di chi voleva che il commissariamento del Comitato regionale Campania della FIGC-LND fosse completo e non a metà, esautorando il presidente Pastore della potestà contabile-amministrativa sul Comitato. C’era incertezza, si apprende, all’interno del Consiglio straordinario convocato quest’oggi nella tarda mattinata a Roma dal vicepresidente vicario della LND Antonio Cosentino. La discussione è stata ampia, fino oltre l’ora di pranzo, e alla fine i partecipanti (oltre a Cosentino erano presenti i tre vicepresidenti d’area Bocchietti, Mambelli e Morgana; i consiglieri federali Burelli, Colonna e Caridi; il presidente della Divisione Calcio a 5 Tonelli e l’avvocato della FIGC Gallavotti) hanno deciso per il commissariamento pieno. L’ipotesi alternativa, si è poi scoperto, era stata avanzata proprio dallo stesso ormai ex presidente Pastore.

Ci sono anche altre novità, però, e non di poco rilievo: da ulteriori indagini effettuate l’ammanco rilevato sui conti del Comitato Campania ammonta a 400mila Euro. Il debito complessivo del Comitato Campania è confermato a 1,160 milioni di Euro.

Ora si apre il toto-nomi per il commissario: il presidente Tavecchio si occuperà personalmente della nomina, e tutto lascia pensare che percorrerà la stessa strada che ha portato Tommaso Miele alla Lega Pro. Sarà quindi presumibilmente un magistrato contabile di alto profilo – sempre stando ad indiscrezioni della prima ora – il commissario del Comitato Campania.

 

® Riproduzione Riservata

 

 

 

 

 

 

 

Lascia un Commento