Voghera, lo sfogo di Scarnecchia: “Esonero inspiegabile”

 

di Filippo Gherardi

 

E’ bastata, si fa per dire, una settimana da incubo a Roberto Scarnecchia per diventare un ex del Voghera e lasciare il suo posto in panchina a Rocco Crotoneo. Un trittico di sconfitte, St Georgen in campionato, Caravaggio in Coppa Italia e Caronnese, domenica, ancora in campionato, sarebbero alla base del ben servito rifilato dai rossoneri al tecnico romano, che raggiunto a caldo non riesce a capacitarsi della scelta presa dalla società: «Una decisione assolutamente affrettata. Abbiamo parlato e ci siamo confrontati, lasciandoci comunque in ottimi rapporti, ma non per questo sono riuscito a spiegarmi perchè sia stato esonerato. Non posso pensare che bastino due sconfitte di fila, tre se consideriamo anche quella, ai rigori, arrivata in Coppa Italia, per sollevare un allenatore dal suo incarico dopo appena sei partite, in caso contrario, tanti miei colleghi sarebbero già senza squadra. Inoltre, compresa la Coppa Italia dove, come detto, abbiamo perso solo ai calci di rigore, anche contro il St Georgen (1 a 0 il finale) e contro una Caronnese imbattuta e prima in classifica (3 a 2 in questo caso il risultato al termine dei 90’ di gioco) la squadra ha giocato bene, creando tanto e sprecando anche molto». Ma sono stati davvero solo i risultati negativi dell’ultima settimana a condannare Scarnecchia? Il diretto interessato rimane convinto che ci sia anche dell’altro: «E’ stato detto che avevo troppo la mentalità da “categoria superiore”, forse per i miei trascorsi da giocatore, ma non credo che questo possa rappresentare un problema, specie se si dispone di un organico forte ed attrezzato come quello del Voghera di quest’anno». In chiusura, Scarnecchia non risparmia una considerazione anche su l’impegno che attenderà il suo successore: «Non lo conosco direttamente, posso solo dire che è fortunato perchè si ritroverà per le mani un gruppo che si sta pian piano affiatando e con tanti giocatori importanti. La cosa essenziale sarà riuscire a preservare gli equilibri che si sono venuti a creare, per il resto credo che ci siano tutti i presupposti, ed il tempo, affinché il Voghera riesca a recuperare il distacco di otto punti in classifica che lo separano, oggi, dalla prima posizione».

Lascia un Commento