Saranno Campioni: intervista esclusiva a Francesco Statuto

 

di Delfina Maria D’Ambrosio

 

Dalla Juniores del girone G di Serie D alla Rappresentativa Under 18 LND: il passo per Francesco Statuto è stato breve e ambizioso. Il giovane tecnico, che aveva già allenato sia la Primavera che la prima squadra del Grosseto, ha attirato, durante la Juniores Cup dello scorso anno, le attenzioni dei vertici della Lega Nazionale Dilettanti che gli hanno proposto di prendere il timone della Rappresentativa Under 18.  Per l’ex calciatore di Roma, Casertana, Udinese, Padova (lista che potrebbero continuare a lungo) è stata un’occasione da non lasciarsi scappare. Noi di Saranno Campioni abbiamo intervistato Statuto che ci ha raccontato: “Si tratta di una sfida difficile perché i ragazzi da selezionare sono tanti, ma cercheremo di fare il lavoro con il massimo rispetto di tutte le regioni. Mi aspetto di trovare dei ragazzi molto bravi, che magari non riescono a mettersi in mostra nei rispettivi campionati e ai quali cercheremo di dare una mano in questo senso. Ci tengo a trasmettere soprattutto un’educazione calcistica, ma non mancheranno i confronti e i consigli, come i miei allenatori fecero con me”. E di allenatori, nel cuore di Statuto, ne son rimasti parecchi: “Il primo che mi viene mente è Adriano Lombardi, che purtroppo ci ha lasciati, è stato il mio primo allenatore da professionista, in quell’anno uscivo dal settore giovanile della Roma e approdavo in una squadra  di professionisti e lui mi ha forgiato il carattere e mi ha insegnato davvero tanto. Poi ho anche Mazzone nel cuore, ma alla fine da tutti ho imparato qualcosa. Spero vivamente di trovare dei ragazzi appassionati come lo eravamo io e i miei colleghi”. Statuto ci ha anche spiegato cosa cambia tra l’allenare una squadra e una rappresentativa: “Nell’ultimo caso viene meno il rapporto quotidiano, i ragazzi non li alleni tutti i giorni e quindi mancherà il parlare insieme, il condividere gioie e dolori. Questo è l’aspetto più difficile, ma cercherò comunque di trasmettere il più possibile anche nel poco tempo a disposizione ”.

 

Lascia un Commento