Focus Serie C: l’ottava giornata

 

di Maurizio Elviretti

 

Cresce leggermente la quota dei gol realizzati nell’ottava giornata di Serie C. Infatti, dopo i sessantacinnque dello scorso turno, in questo weekend la rete è stata gonfiata settanta volte, ma va considerata la vittoria a tavolino dell’Albinoleffe sul Modena. In schedina torna a dominare il segno “1” uscito ben tredici volte, con nove pareggi (divisi equamente nei tre gironi) e cinque vittorie esterne. Partendo dal girone A, la Robur Siena conquista il primato in classifica, grazie al successo ottenuto in Sardegna sul campo dell’Olbia per 2-1. Complice della vetta dei toscani è anche il pareggio nel derby del monday night tra Livorno e Arezzo per 1-1. Con questo punto i labronici si piazzano al secondo posto in classifica. Resta al palo invece la Viterbese, inchiodata 0-1 dal Monza: per i lombardi si tratta del primo successo esterno stagionale, mentre per i laziali la sconfitta costa la panchina a Valerio Bertotto. Brutta sconfitta anche per il Piacenza al “Mannucci” di Pontedera: un 3-0 che non lascia spazio a troppe fantasie e che vale ai toscani la prima vittoria stagionale. Continua il magic moment della neopromossa Arzachena, corsara sul campo del fanalino di coda Gavorrano, ancora a quota 0, con un rotondo 4-1. Nel secondo derby toscano di giornata Lucchese e Pisa si dividono l’intera posto in palio chiudendo sull’1-1. Stesso punteggio anche tra Pro Piacenza e Cuneo. Risalgono la china la Giana Erminio e, soprattutto, l’Alessandria. I lombardi stendono con un perentorio 3-0 la Pistoiese, ottenendo così la prima gioia casalinga di questo inizio di stagione. I piemontesi invece, riprendono possesso del “Moccagatta”, che riapre i battenti dopo i lavori di ristrutturazione, e stendono il Prato per 1-0. Passando al girone B, la Sambenedettese batte 3-1 il Santarcangelo e si guadagna la vetta della classifica. I marchigiani però non sono soli, ma in compagnia del Pordenone che soffre, ma alla fine stende un buon Ravenna per 2-1. Subito dietro ecco il Bassano, che sciupa una ghiotta occasione per rimanere in testa, e si fa fermare sull’1-1 dal Teramo. Il Renate sbatte contro l’orgoglio del Fano. Al triplice fischio è un 2-2 meritatissimo da entrambe le parti. Prosegue la marcia del Padova verso le zone nobili della classifica. I veneti conquistano la quarta vittoria consecutiva superando per 3-1 il Sudtirol. L’unico 0-0 di giornata è quello tra Feralpisalò e Mestre. L’Albinoleffe, invece, sfrutta la polemica tra il Modena e il Comune. Stadio chiuso e tre punti a tavolino alla Celeste. Infine chiudiamo col girone C, dove il turno di riposo del Catania, favorisce il Lecce nuovo capolista del girone. I giallorossi infatti vincono un match fondamentale in casa della Juve Stabia per 3-2. A fare il gioco del Lecce è anche il pari interno del Monopoli contro il Siracusa per 1-1. In zona playoff vittorie interne per la Virtus Francavilla, che si sbarazza per 2-1 della Sicula Leonzio e per il Matera, al terzo successo di fila, vittorioso per 1-0 sul fanalino di coda Racing Fondi. Tre punti anche per il Trapani, che batte 3-0 un’ostica Reggina, arresasi solo nel secondo tempo, raccogliendo il quinto risultato utile consecutivo. Si affaccia alla zona playoff il Rende, che fa proprio in zona Cesarini il derby con il Catanzaro per 2-1. Il Bisceglie, invece, impatta 2-2 in casa dell’Akragas, che reagisce alle due sconfitte consecutive trovando un punto importante che fa morale, mentre si conclude a reti inviolate la sfida tra Fidelis Andria e Paganese. Boccata d’ossigeno infine, per la Casertana, che nell’anticipo del venerdì sera batte in trasferta per 3-0 il Cosenza.

Lascia un Commento