FIGC: Via alle attività del nuovo centro Federale territoriale di Alba-Cuneo

 

dalla Redazione

 

Da oggi sarà operativo il nuovo Centro Federale Territoriale di Alba-Cuneo, un nuovo polo di eccellenza per la formazione tecnico-sportiva di giovani calciatori e calciatrici di età compresa tra i 12 e i 14 anni, presso le strutture sportive messe a disposizione da Ferrero, dove da decenni opera il Gruppo Sportivo Ricreativo Ferrero (GSRF), un’associazione sportiva non competitiva partecipata da dipendenti e familiari, suddivisa in 13 sezioni di cui 10 sportive, con 5000 iscritti e con la preziosa collaborazione del “Village + Sport”.

Il programma della giornata si aprirà alle ore 15 con una conferenza stampa presso l’Auditorium della Fondazione Ferrero (Strada di Mezzo, 44 – Alba) alla quale interverranno Michele Uva, Direttore Generale della FIGC, Edo Milanesio, Segretario Generale della Fondazione Ferrero, Alessandro D’Este, Presidente e Amministratore Delegato di Ferrero Commerciale Italia, Maurizio Marello, Sindaco di Alba, Fiona May, Presidente della Commissione FIGC per l’Integrazione e Ambasciatrice del progetto Kinder+sport. Dopo la conferenza, prenderanno il via ufficialmente le attività tecniche del CFT presso il “GSRF – Village +Sport GRSF” (Strada di Mezzo, 1 – Alba) con il primo allenamento dei gruppi dei calciatori e delle calciatrici selezionati.

I PROSSIMI CFT. Con il CFT di Alba, la FIGC prosegue lo sviluppo del programma dei CFT, che entro le prossime settimane raggiungeranno il traguardo dei 30 centri operativi su tutto il territorio nazionale: il 23 ottobre toccherà ai poli di Casalnuovo (Napoli), Parabita (Lecce), San Giuliano Terme (Pisa); il 30 ottobre sarà la volta di Casarsa della Delizia (Pordenone), Crescenzago (Milano), Gatteo Mare (Forlì Cesena), Ponte di Nona (Roma); chiude Recanati (Macerata) l’8 novembre. Oltre a quelli citati, le attività di formazione tecnica ripartono da lunedì nelle strutture di Alassio (Savona), Borgo Valsugana (Trento), Cantalice (Rieti), Capurso (BA), Castel di Sangro (L’Aquila), Castenaso (Bologna), Catanzaro, Egna (Bolzano), Firenze, Gassino Torinese (Torino), Gela (Caltanissetta), Istrana (Treviso), MateraMontichiari (Brescia), Oristano, Palermo, Solomeo di Corciano (PG), San Fermo della Battaglia (CO), San Giorgio di Nogaro (UD), Urbino, Verano Brianza (Monza Brianza), con il coinvolgimento complessivo di 3000 giovani atleti.

A due anni dall’avvio del progetto dei Centri Federali Territoriali nell’ottobre 2015, la FIGC continua a svolgere un ruolo rilevante  nella formazione tecnica dei talenti Under 14 tesserati per i club dilettantistici e giovanili: attraverso l’opera svolta nei CFT è possibile infatti monitorare l’attività dei giovani calciatori nel medio-lungo termine, sviluppare un percorso di formazione tecnico-sportiva coordinato, ridurre la dispersione dei talenti, definire un indirizzo formativo ed educativo centrale, contrastare l’abbandono dell’attività sportiva da parte dei giovani. Il progetto si svilupperà fino al 2020, con un investimento totale di quasi 9 milioni di euro (e ulteriori 9 milioni l’anno una volta a regime). Al termine del quinquennio è prevista l’operatività di 200 Centri Federali Territoriali.

L’attività dei Centri Federali Territoriali è sostenuta, dal partner tecnico PUMA e dagli sponsor Ferrero, attraverso il progetto di responsabilità sociale Kinder +Sport Joy of Moving,  FIAT ed Eni.
 

Lascia un Commento