FIGC: Federcalcio a Fabbricini, Malagò alla Lega di A

 

di Maurizio Elviretti

 

A pochi giorni dalla la mancata elezione del presidente della Figc, arriva il commissariamento della Federazione da parte del Coni. Il nuovo commissario è Roberto Fabbricini, segretario generale del Coni, nominato dalla giunta esecutiva del Comitato Olimpico insieme con Alessandro Costacurta e Angelo Clarizia che affiancheranno Fabbricini nel ruolo di subcommissari della Figc. A completare la squadra, Massimo Proto, ordinario di Diritto privato, e Alberto De Nigro, già presidente del Collegio dei revisori dei conti del Coni. Fabbricini, nato a Roma 72 anni fa, fa parte dal 1972 del CONI: ne è il segretario generale dal 2013, scelto da Giovanni Malagò, di cui è un uomo di fiducia, dopo aver vinto le elezioni. Dal 2009 al 2012 è stato direttore esecutivo alla Federazione Internazionale di Baseball e Softball (FIBS). Inoltre, ha fatto parte della Commissione Tecnica Giochi del Mediterraneo e della Commissione “Giochi Olimpici” dei Comitati Olimpici Europei. Nel 2014 ha già ricoperto il ruolo di commissario, ma al comitato regionale marchigiano del CONI. Ha partecipato a 15 edizioni delle Olimpiadi, di cui 5 come capo delegazione. “Non nascondiamoci dietro un dito, il Coni deve metterci la faccia. Il mio primo atto ufficiale da commissario della Federcalcio sarà nominare Giovanni Malagò commissario della Lega di Serie A. Si avvarrà di due persone di capacità ed esperienza: Paolo Nicoletti e Bernardo Corradi. L’affetto non è mai mancato, ma bisogna dare subito indicazioni e certezze”. Queste le prime dichiarazioni del neo commissario della Federcalcio, che prosegue: “Un’altra priorità è quella legata al nuovo CT della Nazionale, dove sarà fondamentale l’esperienza di Costacurta. Dobbiamo riallacciare il rapporto d’amore fra la Nazionale e il Paese. Una delle priorità sarà quella di dare un allenatore agli azzurri per le due amichevoli già programmate. Dovremo muoverci con velocità e giudizio”. Il nome più caldo sembrerebbe quello di Roberto Mancini, ma occhio ad un possibile e clamoroso ritorno di Antonio Conte, sempre più in difficoltà col suo Chelsea. Oggi Fabbricini firmerà l’ufficialità di Malagò come Commissario della Lega di A, ed entrambi avranno un mandato ad interim fino al prossimo 30 luglio. Con tutta probabilità però, sei mesi non basteranno affatto per rilanciare le sorti del calcio nostrano e quindi vien facile ipotizzare che l’impiego dei due potrebbe durare più di quanto previsto, probabilmente fino alle prossime elezioni federali. Ed è altrettanto facile pensare, che in quell’occasione Malagò si presenti come uno dei papabili alla presidenza della Federcalcio.

Lascia un Commento