Calcio Femminile: TFN rigetta ricorso della LND

 

di Maurizio Elviretti

 

Circa un mese la Lega Nazionale Dilettanti aveva presentato, presso il Tribunale Federale Nazionale – Sezione Disciplinare, il ricorso contro la Delibera del Commissario Straordinario della F.I.G.C. Roberto Fabbricini pubblicata sul Comunicato Ufficiale n. 38 del 3 maggio 2018 che aveva portato, dal 1° luglio 2018, all’assunzione da parte della FIGC, attraverso l’inquadramento della Divisione Calcio Femminile, del ruolo di organizzatore dei campionati nazionali di Serie A e Serie B di calcio femminile, lasciando alla Divisione Calcio Femminile della LND la sola organizzazione del Campionato Interregionale di calcio femminile. Il ricorso, presentato dal Presidente della LND Cosimo Sibilia come “un atto dovuto“, in queste ore ha avuto una risposta definitiva da parte del Tribunale Federale Nazionale presieduto da Cesare Mastrocola: visti l’atto di costituzione in giudizio della FIGC e l’atto di intervento delle Società ASD AGSM Verona CF, ASD Femminile Inter Milano, ASD Mozzanica, ASD Pink Sport Time, CF Florentia SSDARL, FC Juventus Spa, Fiorentina Women’s FC SSD ARL, Sassuolo Calcio Femminile, SSD Roma Calcio Femminile Srl, SSDARL Empoli Ladies, SSDARL Fimauto Valpolicella, UPC Tavagnacco e US S. Zaccaria (in pratica tutte le società della Serie A Femminile 2017-2018), il Tribunale ha rigettato il ricorso della Lega Nazionale Dilettanti, in persona del presidente e legale rappresentante Sibilia. La Serie A Femminile e la Serie B Femminile 2018-2019 restano quindi competenza della FIGC. L’ennesimo portone sbattuto in faccia a Cosimo Sibilia.

Lascia un Commento